Recensione Nisi di Yuri Palma

 

Recensione filtri NiSi Nano IR ND 64, Soft Nano IR GradNd 8,

HD polarizer

La recensione è stata fatta dopo aver messo alla prova i filtri in diverse situazioni di lavoro, e i risultati degli effetti dei diversi filtri, con spiegazione, sono allegati.

  • Nano IR ND64 Questo filtro offre una riduzione dell’esposizione di 6 stop, uniforme su tutta l’immagine, e al contempo, grazie al rivestimento applicato sui bordi, che rimane in contatto con il portafiltri quando esso è applicato, evita aberrazioni cromatiche che potrebbero essere causate dall’entrata della luce dai lati, problema che mi si era presentato in alcuni filtri che avevo usato in precedenza. In quanto a tale rivestimento, è importante far scivolare il filtro nella corretta direzione, in quanto, nonostante esso sia quadrato, lo strato di gommapiuma è leggermente asimmetrico, e, se non montato nel lato corretto, rischia di staccarsi dalla colla che lo tiene fisso al vetro e rovinare l’immagine. Riguardo alla qualità del vetro utilizzato, non c’è dubbio che sia la migliore che abbia mai riscontrato, infatti non soffre di flare o ghosting nemmeno se si orienta la macchina fotografica direttamente verso il sole. Nonostante questo però è importante considerare la leggera tendenza dei colori verso il viola quando viene applicato il filtro. Tale tendenza risulta invisibile la maggior parte delle volte, ma anche nel caso fosse più facile notarla, come ad esempio in una scena principalmente orientata sui colori verdi, sbarazzarsene è molto facile, e richiede un minimo aggiustamento della tinta verso il verde in post produzione (nelle mie esperienze, solo 4 punti in Adobe Camera RAW risolvevano totalmente il problema). Considerando i risultati rispetto alle minori imperfezioni trovate nel periodo di utilizzo, ritengo questo prodotto altamente valido e ne consiglio l’acquisto a chi volesse sperimentare la fotografia ad alti tempi d’esposizione senza esagerare con l’utilizzo del filtro ND da 10 stop, che ritengo meno versatile, in quanto perde quasi del tutto la sua utilità se non usato in condizioni di perfetta luminosità, al contrario di quello da 6 stop.

 

  • HD polarizer Filtro polarizzatore a lastra quadrato, personalmente il primo che abbia usato, in quanto precedentemente avevo sempre utilizzato quelli circolari. La scelta fra i due diversi tipi risulta difficile, e dipende molto dalla tipologia di fotografia che si pratica. I vantaggi di questo sono innumerevoli, primo fra tutti la qualità maggiore. Nelle mie esperienze precedenti ho sempre incontrato difficoltà nell’affidarmi ai filtri polarizzatori a causa delle problematiche che portavano a livello della tinta dei colori, ma con questo non ne ho riscontrati nella maniera più assoluta. L’effetto di riduzione dei riflessi sull’acqua, il contrasto aumentato e i colori più profondi, specialmente nel cielo, non riscontrano nessuna controindicazione, se non la necessità di alzare l’esposizione di circa mezzo stop. Dato l’utilizzo del polarizzatore che, montato sul portafiltri, necessita di essere ruotato fino all’angolazione adatta per avere effetto, non è consigliabile utilizzarlo con un filtro ND graduato, che risulterebbe anch’esso ruotato e perderebbe quindi la sua funzione. Un consiglio che posso dare a seguito del mio utilizzo è di utilizzarlo in combinazione con un filtro ND non graduato, in quanto migliora di molto l’effetto finale dell’acqua, eliminando i riflessi aggiuntivi che l’esposizione prolungata potrebbe portare.

 

  • Soft Nano IR GND8 Questo, dei tre filtri che ho utilizzato in questi mesi, è sicuramente quello che la maggior parte dei fotografi potrebbero definire ormai inutile. Questo perché l’effetto che ha su una fotografia può essere replicato in post produzione attraverso esposizioni multiple. Detto questo, sono fortemente convinto che ci sia ancora uno spazio notevole nella fotografia odierna per l’utilizzo di questo filtro, e le ragioni sono molteplici. Prima di tutto, l’HDR è un processo che non porta ad un risultato sicuro. Nella mia esperienza, funziona nello stesso modo di un filtro solo circa il 50% delle volte, e un fotografo non può permettersi di sperare semplicemente che il caso lo aiuti, specialmente in momenti in cui la possibilità di fotografare la scena è una sola, e da fotografo paesaggista la lista di questi ultimi è infinita. Un cielo nuvoloso aspettato per giorni, un tramonto perfetto, o semplicemente uno scatto in un luogo che necessita di ore di macchina per arrivarci. Il filtro non presenta alcun tipo di aberrazione cromatica, che in questo caso è un requisito fondamentale, data la difficoltà che si presenterebbe per toglierla in post produzione a causa del gradiente. il bordo soft permette di utilizzarlo anche in situazioni dove l’orizzonte non è precisamente definito, rendendolo versatile per una moltitudine di situazioni.

 

 

NiSi Nano IR ND 64

0,6” f8, iso 100

 

HD polarizer

Panoramica di 4 immagini, 1/60”, f9, iso 100

Soft Nano IR GND8, NiSi Nano IR ND 64

4”, f5.6, iso 100

NiSi Nano IR ND 64, HD polarizer

5”, f16, iso 100

 

Soft Nano IR GND8

1/50”, f8, iso 100

 

Ra.Ma. Srl distributore italiano accessori foto e video professionali.

 Via I strada 35 35129 Padova Italy
 +39 0497968725
Mon - Fri: 08:45 -17:30